Francesco Laurana, grande scultore del tardo Quattrocento, che operò molto in Sicilia.

Nativo della Dalmazia,probabilmente a Vrana(Aurana o Laurana Arauzona,oggi nel comune di Pacostiane)da cui il cognome Laurana,nei documenti viene menzionato anche come Francesco”da Zara”o Atzara”,dato che Vrana dista poco da Zara. A quell’epoca parte della Dalmazia era sotto il dominio della Repubblica di Venezia. Vi chiederete come mai ho scelto di parlare di Francesco Laurana,dato che non è un siciliano.La mia decisione è scaturita dal fatto che questo scultore operò in Sicilia dal 1467 al 1471,infatti lo troviamo a Palermo nel 1468 incaricato di realizzare la cappella Mastrantonio nella chiesa di San Francesco d’Assisi e perché proprio in Sicilia creò dei busti femminili dalla rarefatta bellezza e delle Madonne di pregevole fattura .Ma andiamo per ordine. Egli fu fra i protagonisti nel campo della scultura in Sicilia del secondo Quattrocento,cui si deve una delle più alte e mature formulazioni del linguaggio rinascimentale italiano. Il suo percorso artistico è rimasto a lungo oscuro e complicato sul versante critico da una serie di attribuzioni poco probanti,mentre alcune sue opere furono attribuite a Domenico Gagini. Prima del suo arrivo in Italia,le notizie del Laurana sono lacunose:una vaga testimonianza riguardo una sua formazione fiorentina la dà Giorgio vasari nello scrivere che Francesco aveva lavorato con Brunelleschi ”assai cose in Vinezia”. Laurana arriva in Sicilia,come abbiamo detto,nel 1467,per conto del signore di Sciacca e conte di Caltabellotta,Don Carlo Luna,che lo aveva conosciuto alla corte Aragonese di Napoli. La sua prima opera siciliana,che presenta alcuni moduli dell’architettura tardo-gotica veneta,è il portale settentrionale della chiesa di Santa Margherita a Sciacca,di cui fornisce il disegno generale e la figurina di Santa Maria Maddalena,lasciando gran parte della esecuzione a Pietro de Bonitate, artista lombardo con cui il Laurana inizia un sodalizio che produrrà nello stesso giro di anni le due Madonne col Bambino di Castelvetrano e Salemi e la Madonna del Soccorso di Caltabellotta, lasciata incompiuta. Trasferitosi a Palermo,viene ora indicato nei documenti come habitator Panormi, lavora alacremente creando il bellissimo sarcofago di Antonio Speciale,per la tomba già commissionata da Pietro Speciale a Gagini nel 1463,in cui la figura del giovanetto giacente fu eseguita da Laurana,e il busto di Pietro Speciale datato 1469,che fa evidente il rapporto stilistico con i rigorosi impianti dei ritratti di Antonello da Messina,che Laurana probabilmente ebbe modo di conoscere tanto a Napoli quanto in Sicilia(a Noto in particolare dove i due artisti saranno attivi nel 1471) .

francesco-laurana-sarcofago-di-antonio-speciale1468chiesa-di-s-framcesco-d'assisi-palermo

francesco-laurana-sarcofago-di-antonio-speciale1468chiesa-di-s-framcesco-d’assisi-palermo

Un’eco antonelliana è anche nel profilo a rilievo del Ritratto di Pietro Speciale di Militello in Val di Catania e nel Busto di Giovinetto di Palazzo Abatellis,opere anch’esse caratterizzate da un assoluto equilibrio formale tutto rinascimentale. Nel 1469 l’artista si impegna a eseguire sul modello della trecentesca Madonna di Trapani di Nino Pisano una statua per la Chiesa Madre di Erice;il risultato è ancora una volta altissimo tanto che la scultura,animata dalle esperinze formali provenzali dell’autore,verrà trattenuta a Palermo e posta in Cattedrale.

Madonna con Bambino,1469,Palermo-Cattedrale.

Madonna con Bambino,1469,Palermo-Cattedrale.

Infatti tra le varie statue presenti nella Cattedrale,spicca per qualità esecutiva, questa Madonna con Bambino,in marmo,eseguita dal Laurana insieme ad aiuti .Tuttavia nella sua lunga attività,che comprende serie di Madonne eseguite soprattutto in Sicilia,monumentali altari in chiese francesi,busti-ritratto celebrativi,egli non appare sempre coerente e di uno stesso livello artistico;ma quando liberamente si abbandona a una sua originale trascrizione dell’insegnamento di Piero della Francesca,egli raggiunge risultati di rara eccellenza artistica.E’ il caso del busto di Eleonora d’Aragona,limpida e purissima forma geometrica che esalta nella sua cristallina astrazione,un aristocratico spirito di casta;il ruvido tessuto plastico della cuffia e della veste fa risaltare la tersa limpidezza del volto plasmato dalla luce,con un effetto pittorico dei più avvincenti .

 francesco-laurana-busto-di-eleonora-daragona-foto-1964 prima-del-restauro


francesco-laurana-busto-di-eleonora-daragona-foto-1964 prima-del-restauro

Questa è una foto del 1964,prima del restauro .Vediamo ora il busto dopo il restauro e della sua collocazione definitiva alla Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis.

eleonora-d'aragona 1471 palazzo-abatellis palermo.


eleonora-d’aragona 1471 palazzo-abatellis palermo.

Ritroviamo la stessa formula nelle più celebrata opera del Laurana,il Busto di Battista Sforza,accordo quieto e profondo di volumi ridotti alle loro forme essenziali,condotto col più severo rigore di geometrica stlilizzazione,ma fatto vivente dal palpito di luce che trascorre sui piani,modulandone le trasparenti superfici .Mi pare opportuno riportarne l’immagine perché anche voi possiate apprezzare la sua bellezza.

 francesco-laurana-busto-di-battista-sforza


francesco-laurana-busto-di-battista-sforza

Il Laurana eseguì molti altri splendidi ritratti di corte,realizzati sempre in una fascinosa idealizzazione,d’ascendenza pierfrancescana,che valorizza tuttavia i dati fisionomici .La bottega di Laurana in città è pronta a soddisfare tutte le numerose richieste dei committenti isolani:lo scultore vi lavora le opere allontanandosi solo per la loro consegna e per eventuali rifiniture,come probabilmente avvenne per alcuni dei suoi capolavori,la Madonna della Neve di Noto(1471) e la Madonna della Grazia di Palazzolo Acreide(71/72) in cui è palese il forte ascendente del pittore messinese sullo scultore dalmata .Intorno al 1472 Laurana lascia la Sicilia per ritrovarlo in Puglia,a Napoli e quindi ad Urbino,soggiorno che gli consentirà di determinare le sorti del suo fare in pieno accordo con le esperienze figurative pierfrancescane,come si desume dal ciclo dei suoi ritratti muliebri,tra cui,lo ripetiamo ancora,uno dei suoi capolavori assoluti,il Busto di Eleonora d’Aragona che insieme con le repliche parigine al Louvre e al Jacquemart-Andrè,rappresenta la tappa ultima del percorso lauranesco,il suo esito più alto di ricerca e di inerpretazione umana e morale,in cui è sicura la ripetizione delle profonde idealizzazioni di Piero. Il nome dello scultore è infine ricordato in alcuni documenti in oltralpe tra il 1492 e il 1493 e ancora dal 1498 fino al 1502,anno della sua morte.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Arti figurative. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Francesco Laurana, grande scultore del tardo Quattrocento, che operò molto in Sicilia.

  1. Alfonso Roberto Messina ha detto:

    Grazie Tommaso!
    I tuoi articoli sono sempre molto interessanti! Io conoscevo questo scultore per aver visto, qualche anno fa, una sua opera alla National Gallery Art di Washington: un busto di principessa.
    Un saluto e ancora grazie!

  2. tommasoaiello ha detto:

    Grazie Masetto, un altro bel tassello alla tua raccolta di articoli! Complimenti! Un affettuso saluto Cenzina Torres Oliveri

  3. tommasoaiello ha detto:

    INTERESSANTE,Vincenzo Restivo

  4. tommasoaiello ha detto:

    Masino Carissimo,
    Ti ringrazio molto, leggerò con attenzione il profilo ed il lavoro di Francesco Laurana. A presto Giovanni Germanà

  5. tommasoaiello ha detto:

    Carissimo Masetto,
    come stai? Spero tutto bene, pensavo di incontrarTi domenica scorsa
    ai Carmelitani.
    Ti ringrazio per avermi inviato un altro articolo: per me è molto
    importante leggerli e li conservo tutti in una cartella.
    Ciao a presto, un bacione a Te e Lina

    Gabriella Giacinti

  6. tommasoaiello ha detto:

    Grazie, sempre interessanti i tuoi articoli!! Agostina Aiello

  7. tommasoaiello ha detto:

    Ti ringrazio tanto per l’articolo..
    E’ davvero interessante conoscere l’autore
    di opere così incredibili……
    Un abbraccio affettuoso,
    Sara Bancheri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...